ACCOLTA LA RICHIESTA DI CONFEDERCONTRIBUENTI, NOMINATO COMMISSARIO ANTI RACKET E ANTI USURA

Roma, 24 dicembre 2016 – Durante il 6. CDM del Governo Gentiloni, il Ministro dell’Interno Minniti su proposta del Presidente del Consiglio ha nominato  il dott. Domenico Cuttaia , già prefetto di Venezia, Commissario Straordinario anti racket ed anti usura.

Il dottor Cuttaia, nato ad Agrigento nel 1953 si è laureto in Giurisprudenza e porta con se l’esperienza emotiva provata nel territorio veneto a causa della crisi economica.

“Siamo soddisfatti che grazie alla nostra perseveranza e diplomazia siamo riusciti a sollecitare la nomina del commissario straordinario anti racket e anti usura. Ringraziamo chi si è prodigato in vari modi affinchè come richiesto dalle nostre missive anche chi sceglie la strada della legalità  possa trascorrere delle serene festività. Auguriamo un buon lavoro al neo commissario e la nostra disponibilità nella lotta al vortice del racket ed usura si criminale che bancaria” – il commento di Carmelo Finocchiaro presidente nazionale di Confedercontribuenti.

CONFEDERCONTRIBUENTI, L’ONOREVOLE ALBANELLA DEL PD PRESENTA OGGI INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA SULLA NOMINA DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO ANTI USURA E ANTI RACKET

L’onorevole Albanella del PD, molto attenta ai problemi sociali  non lascia nulla al caso ed ha fatto sue le richieste di Confedercontribuenti in rappresentanza della numerose vittime di usura e racket che attendono da fine luglio la nomina del Commissario straordinario anti usura e anti racket.

Roma, 21 dicembre 2016 – Questa mattina  l’onorevole Luisa Albanella del PD presenta una interrogazione a risposta scritta circa la nomina del commissario straordinario anti usura e anti racket.

Linterrogazione parlamentare consiste nella domanda rivolta per iscritto da un parlamentare al Governo o ad un Ministro per verificare la conoscenza di una determinata situazione ed eventualmente quali misure si intendono adottare.

A seguito delle missive e comunicati inoltrati a firma del Presidente Nazionale di Confedercontribuenti, l’onorevole Albanella che era presente anche al convegno nazionale  “Contro tutte le Usure” organizzato lo scorso marzo alla Camera dei Deputati ha dato seguito al suo impegno a favore di chi lotta per affermare la legalità.

“L’usura è un fenomeno diffuso in tutta Italia che da sempre purtroppo accompagna la storia dell’uomo ma non per questo dobbiamo accettarla. Dobbiamo perseverare nella  lotta al fenomeno del racket e dell’usura che prevede da un lato azioni e misure repressive nei confronti di coloro che gestiscono le attività illegali e dall’altro il sostegno delle istituzioni e delle leggi dello Stato alle vittime. Purtroppo  da luglio 2016 si sono accumulate una serie di pratiche sul tavolo vacante del Commissario Straordinario anti usura e anti racket, già gravate da lungaggini burocratiche, a cui sono legate le speranze e il sostentamento di chi ha deciso la strada della legalità. Abbiamo il dovere di  far uscire dal disagio gli imprenditori e le famiglie che desiderano ripartire liberi dal vortice dell’usura e racket” – commenta questa mattina l’onorevole Albanella.

Il presidente Finocchiaro ha commentato così: “Un grazie di cuore all’On. le Luisa Albanella del PD per la sensibilità ad una battaglia di Confedercontribuenti per la legalità. L’interrogazione parlamentare che presenterà questa mattina  sollecita e pone l’urgenza affinché sia nominato subito il Commissario Antiracket e Antiusura. Le vittime non possono più aspettare. E da Luglio che tutte le pratiche sono bloccate”.

 

NOMINA COMMISSARIO ANTI-RACKET E ANTI-USURA, CONFEDERCONTRIBUENTI NON SI FERMA E SCRIVE AL CONSIGLIO DEI MINISTRI

Confedercontribuenti non dimentica gli impegni presi con chi prende la strada della legalità e continua a sollecitare nomina del commissario straordinario anti-racket e anti-usura

Roma, 16 dicembre 2016 – Dopo aver scritto al Presidente della Repubblica, il presidente nazionale di Confedercontribuenti non si ferma nella tutela e supporto di chi scegliela legalità  e invia missiva al neo presidente del Consiglio onorevole Paolo Gentiloni e a tutto il consiglio dei ministri affinché venga nominato il Commissario straordinario Anti -racket e anti-usura la cui sede è vacante dal luglio 2016.

Il testo della missiva nella sostanza è simile a quello della lettera inoltrata qualche giorno fa al Presidente della Repubblica Mattarella.

“Augurando al neo Presidente e a tutto il Consiglio un buon lavoro a favore della nostra nazione,  mi sono fatto portavoce delle  speranze e soprattutto  del disagio di imprenditori e famiglie che desiderano ripartire dal punto di vista imprenditoriale e lavorativo, in molti casi gravati anche da procedure esecutive, sollecitando la rapida nomina del commissario straordinario” – dichiara il Presidente nazionale di Confedercontribuenti Carmelo Finocchiaro.

per-cdm

CONFEDERCONTRIBUENTI SI COSTITUIRA’ PARTE CIVILE CONTRO LIDL-ITALIA

A Febbraio presso il Tribunale di Ragusa processo per frode commerciale  nei confronti di LIDL-ITALIA ai danni dell’agricoltore Maurizio Ciaculli, Confedercontribuenti di cui è responsabile nazionale antiracket si costituirà parte civile.

L’imprenditore agricolo Maurizio Ciaculli ha denunciato LIDL-ITALIA per aver commercializzato melanzane con il suo marchio ma provenienti dalla Spagna. Dopo la sua denuncia è stato vittima di attentati. Inoltre Maurizio Ciaculli ha perso tutti i suoi beni per la vendita alle aste giudiziarie: l’azienda agricola, il capannone e la casa di abitazione andranno all’asta il prossimo anno.

A Febbraio prossimo, il processo per frode che si terrà a Ragusa dovrà appurare anche il nesso di congiunzione tra la denuncia e gli attentati subiti.

CONFEDERCONTRIBUENTI di cui Maurizio Ciaculli è responsabile nazionale antiracket si costituirà parte civile  come le associazioni Riscatto, lo studio legale Nicosia e  Altragricoltura.

Per ciò che concerne i benefici previsti dal Fondo di solidarietà dei quali dovrebbero  beneficiare chi prende la strada della legalità e della denuncia, Ciaculli e tanti altri che ne avrebbero  i requisiti sono in attesa della nomina ufficiale del nuovo commissario.

fake-1140x806

L’USURA FATTURA PIU’ DI UNA IMPRESA, PER CONFEDERCONTRIBUENTI NECESSARIO UN INTERVENTO IMMEDIATO DEL GOVERNO

Roma, 7  settembre 2016 – Secondo una indagine Eurispes negli ultimi 2 anni  circa il 12%  delle famiglie si sarebbe rivolto  a soggetti privati (non parenti o amici) per ottenere un prestito, non potendolo ottenere dal sistema bancario.

L’usura di strada ha registrato purtroppo un  giro d’affari di 82 miliardi di euro l’anno scorso, più di quanto fattura la maggiore azienda italiana, l’Eni.

“Oltre alle famiglie purtroppo tanti imprenditori si sarebbero rivolti all’usura criminale pensando di risollevare le sorti delle proprie aziende ma di fatto le precipitano ancora di più” – interviene Carmelo Finocchiaro di Confedercontribuenti.

Secondo la ricerca, il fenomeno riguarderebbe un’azienda su dieci soprattutto nei settori dell’agricoltura, del commercio e dei servizi.

L’usuraio non è  sono solo legato alle organizzazioni criminali, mafia in testa, ma anche una serie di “insospettabili” che  approfittano della crisi per arricchirsi a scapito di chi è finito con l’acqua alla gola.

“Ormai tutto il paese è vittima di questo vortice ma non finiremo mai di sensibilizzare a non cadere in questa piaga, a denunciare eventuali abusi e soprattutto a farne partecipi con azioni a favore delle imprese e famiglie le autorità di governo sollecitando la nomina del nuovo commissario antiracket ed antiusura e sburocratizzazione dell’iter legato alla denuncia” – conclude Finocchiaro.

 

antiracket2

34 ANNI FA LA MORTE DEL GENERALE DALLA CHIESA. CONFEDERCONTRIBUENTI: NON SERVE SOLO GRIDARE ONESTA’

Roma, 3 settembre 2016 – Carlo Alberto dalla Chiesa è stato un generale dell’Arma dei Carabinieri e prefetto italiano.  Proprio in qualità di prefetto arrivò a Palermo nel maggio 1982  per combattere la mafia. Il 3  settembre fu ucciso in un agguato mafioso assieme alla moglie e a un agente di scorta.

Ci sono cose che non si fanno per coraggio, si fanno per poter continuare a guardare serenamente negli occhi i propri figli e i figli dei propri figli, con questa frase voglio ricordare un esempio di Uomo dello Stato. Oggi per lui, come 34 anni fa ci saranno passerelle e corone di alloro e politici. Le passerelle se non proseguite da azioni  non servono a nulla. Bisogna fare terra bruciata contro le mafie e le illegalità. Dobbiamo farlo per essere sereni, proprio come diceva il generale Dalla Chiesa,  di aver fatto il meglio per le generazioni future ed evitare che abbandonino tutto e vadano via”- interviene Maurizio Ciaculli Coordinatore Nazionale Confedercontribuenti-Antiusura e Antiracket.

Oggi in ricordo del generale Carlo Alberto Dalla Chiesa ci sarà la “Festa dell’Onestà” alla presenza di autorità civili e militari.

 “Non basta gridare all’onestà per combattere la criminalità.  Servono i fatti e le azioni. Bisogna denunciare senza timore anche i poteri forti e colletti bianchi appena stirati.  Solo così potremmo essere liberi e rendere omaggio sia al generale Dalla Chiesa che alle altre vittime delle mafie” –conclude Carmelo Finocchiaro presidente nazionale di Confedercontribuenti.

generale-carlo-alberto-dalla-chiesa